Red Velvet Cake


10956476_10153140388348830_6682859533969152327_nLa prima cosa che dovete fare per la Red Velvet Cake è procurarvi due ruoti da 21 cm di diametro. Io ne avevo uno da 28 cm. Ho risolto con due infornate e aumentando le dosi di un terzo. Se avete due ruoti divertitevi nel prepararli, vanno prima imburrati, poi il fondo va rivestito con carta forno (usate il ruoto per disegnare la sagoma direttamente sulla carta e poi ritagliatela). A questo punto anche la carta va imburrata e per finire, infarinate.

Se dopo questa puntata di Art Attack ci siete ancora, iniziamo!
La ricetta proviene dal libro “American Bakery” di Laurel Evans, ma in quella originale c’era troppo zucchero per i miei gusti, soprattutto per la farcia. Non so voi, ma 350gr di burro e 350gr di formaggio uniti possono portarmi al diabete solo se li guardo. Così ho un po’ diminuito le dosi e vi assicuro che la torta è piaciuta alla grande.

Ingredienti per impasto:
– Farina 00, 330gr
– Zucchero, 300gr
– Bicarbonato di sodio, 1 cucchiaino
– Cacao, 2 cucchiaini
– Sale, 1 cucchiaino
– Uova, 2 a temp. ambiente
– Olio di semi, 330gr
– Latte, 120gr
– Yogurt magro, 120gr
– Limone, 1 cucchiaino
– Colorante rosso in gel, q.b.
– Aceto bianco, 1 cucchiaino

Ingredienti per il ripieno:
– Formaggio spalmabili tipo Philadelphia, 350gr
– Zucchero a velo, 100gr
– Burro ammorbidito, 300gr
– Noci pecan oppure mix di noci e nocciole tostate e tritate 150gr

In una ciotola capiente setacciate farina, zucchero, bicarbonato, cacao e sale. Apposto, levate da mezzo.
In un’altra ciotola prepariamo il latticello. Il latticello è molto usato nei dolci americani e in “lingua originale” si chiama “Buttermilk”. Lo si ottiene unendo mezza dose di latte, mezza dose di yogurt e il limone. In questo caso 120gr di latte, 120 di yogurt e un cucchiaino di limone. Una volta amalgamato bene aggiungete al latticello uova, olio, aceto e colorante. Il colorante che avevo era molto intenso e quindi ne sono bastati due cucchiaini. Unite all’impasto rosso la farina (zucchero, bicarbonato, cacao e sale) e mescolate.
Suddividente l’impasto nei due stampi. Se come me ne avete solo uno dividete l’impasto in due ciotole pesandolo e facendo attenzione che la quantità sia uguale in entrambe. Io lo peserei anche avendo due stampi.
Infornate, 25-30 minuti. Una volta pronte lasciatele raffreddare una decina di minuti prima di levarle dagli stampi.

La Farcia
Nella ricetta originale dice di frullare la Philadelphia e il burro per 5 secondi e poi aggiungere lo zucchero e frullare per altri 10 secondi. Il mio frullatore non era molto in vena, burro e formaggio non si frullavano, così ho fatto a mano con una spatola. Ci vuole un po’ perché il burro forma dei grumi difficili da sciogliere e da amalgamare, ma alla fine ce l’ho fatta. Ho aggiunto (volendo) anche gocce di cioccolato fondente.
Se la crema dovesse risultare troppo liquida (utilizzando un frullatore in vena di fare il suo dovere) lasciatela in frigo per qualche ora.
Sistemate una torta nel piatto, cospargetela di crema e, sempre se volete, di granella di noci, e piazzate l’altra sopra.
In teoria la crema doveva servire anche per ricoprire l’intera torta, ma a me è bastata solo per la farcia essendo il dolce più grande e avendo io dimenticato di adattare le dosi anche della crema.
Ho comunque cosparso il bordo del dolce con miele alla nocciola (giusto un velo) che ho utilizzato per “azzeccare” la granella di noci.

Rossa e buonissima!

Mi dispiace per le foto di scarsa qualità con tovaglioli sporchi in mostra, ma c’era il vinello…tanto vinello….
10956476_10153140388348830_6682859533969152327_n

1797419_10153140388453830_5539043177299229464_n

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM